Documenti

Agenda ONU 2030

Il 25 settembre 2015 le Nazioni Unite hanno adottato gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, stabilendo un quadro globale per l’eliminazione della povertà e il conseguimento dello sviluppo sostenibile entro il 2030, sulla base degli obiettivi di sviluppo del millennio (OSM), adottati nel 2000. Nell’Agenda vengono definiti gli impegni che dovranno essere realizzati entro il 2030, individuando 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals, SDGs) e 169 target. Tali obiettivi sono rivolti sia ai Paesi in via di Sviluppo sia ai Paesi avanzati e per il loro raggiungimento richiedono la partecipazione di tutti i soggetti istituzionali che incidono sulle politiche nazionali.

 

Che cosa sono i Goals per lo sviluppo sostenibile

I 17 Sustainable Development Goals (SDGs) che compongono l'Agenda 2030 si riferiscono a diversi ambiti dello sviluppo sociale, economico e ambientale che devono essere considerati in maniera integrata, nonché ai processi che li possono accompagnare e favorire in maniera sostenibile.

17 obiettivi di sviluppo sostenibile

 

Sustainable Development Goals

Descrizione Goal

Goal1

Porre fine alla povertà in ogni sua forma e in ogni parte del mondo, per fermare le previsioni secondo le quali nel 2030 il tasso globale di povertà sarà pari al 7% della popolazione mondiale.

Goal2

Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile, soprattutto ora che i problemi della fame e della malnutrizione sono stati aggravati dall’esplosione della pandemia di COVID-19.

Goal3

Assicurare la salute e il benessere per tutti ad ogni età, con particolare attenzione agli aspetti della salute riproduttiva e della salute gestazionale e pediatrica.

Goal4

Assicurare un’istruzione di qualità, equa ed inclusiva,  promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti, e garantire la presenza di servizi essenziali quali acqua potabile, elettricità e strutture minime per l’igiene all’interno delle infrastrutture scolastiche nei paesi più poveri.

Goal5

Raggiungere l'uguaglianza di genere e maggiore forza, autostima e consapevolezza per tutte le donne e le ragazze, garantendo la partecipazione delle donne ai processi decizionali e contrastando qualsiasi forma di violenza e discrimanzione legata al sesso.

Goal6

Garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell'acqua e delle strutture igienico-sanitarie, in quanto ancora nel 2020, 2 miliardi di persone non hanno accesso ad acqua sicura e potabile, 3.6 miliardi ad adeguati servizi sanitari e 2,3 miliardi a livelli basici di igiene personale.

Goal7

Assicurare a tutti l'accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni, in considerazione del fatto che, al mondo, circa 759 milioni di persone non hanno accesso all’energia elettrica.

Goal8

Incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un'occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti, soprattutto dopo i diastrosi effetti della pandemia legata al COVID-19.

Goal9

Costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l'innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile, partendo dagli incrementi negli investimenti in ricerca e sviluppo.

Goal10

Ridurre l'ineguaglianza all'interno di e fra le Nazioni, anche grazie all’analisi di specifici indicatori, come il coefficiente di Gini.

Goal11

Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili, cercando di garantire a tutti i cittadini dei servizi che rispondano alle loro esigenze quotidiane.

Goal12

Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo che perseguano gli obiettivi di riduzione dell’impronta ecologica del genere umano e di rispetto dell’ambiente cirscostante.

Goal13

Adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze, partendo dal limitare l’incremento delle temperatura media globale a un massimo di 1,5 oC rispetto al livelli pre-industriali, come stabilito dall’Accordo di Parigi.

Goal14

Conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile, combattendo i fenomeni dell’inquinamento delle acque, del riscaldamento, eutrofizzazione e acidificazione degli oceani e della crisi che sta colpendo il settore ittico di tutto il mondo.

Goal15

Proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell'ecosistema terrestre, gestire sostenibilmente le foreste, contrastare la desertificazione, arrestare e far retrocedere il degrado del terreno, e fermare la perdita di diversità biologica.

Goal16

Promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile; offrire l'accesso alla giustizia per tutti e creare organismi efficienti, responsabili e inclusivi a tutti i livelli, prestando particolare attenzione al rispetto dei diritti umani, soprattutto per le fasce più deboli della popolazione, come donne e bambini.

Goal17

Rafforzare i mezzi di attuazione e rinnovare il partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile, supportando la collaborazione tra istituzioni e nazioni che condividono caratteristiche ed obiettivi comuni.

Per approfondire:

Sito Nazioni Unite

Sito United Nations High-level Political Forum on Sustainable Development (HLPF)

 

pagina aggiornata al 1/06/2021

data ultima modifica della pagina 18/11/2021

Strategia Nazionale Sviluppo Sostenibile

La Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile costituisce l’elemento cardine nell’attuazione in Italia dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

La SNSvS è strutturata in cinque aree, corrispondenti alle cosiddette “5P” dello sviluppo sostenibile proposte dall’Agenda 2030: Persone, Pianeta, Prosperità, Pace e Partnership.

schema strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile

Fonte. Progetto CReIAMO PA – Linea d’intervento 2 - WP1.

 

La SnsvS è stata approvata con Delibera CIPE del 22 dicembre 2017 (GU 15 maggio 2018). Consulta la SNSvS.

Come può contribuire la Regione

La Regione definendo la propria Strategia di Sviluppo Sostenibile contribuisce al raggiungimento degli obiettivi della Strategia Nazionale per lo Sviluppo sostenibile.

Per approfondire:

sito del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare.

 

pagina aggiornata al 1/06/2021

data ultima modifica della pagina 19/05/2020

In questa sezione puoi consultare i documenti prodotti dalla Regione Marche per le politiche di sviluppo sostenibile.

Il percorso di sviluppo della Strategia Regionale di Sviluppo Sostenibile delle Marche è stato individuato negli accordi firmati con il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare i cui schemi sono stati approvati con:

La Governance della SRSvS prevede un livello territoriale esterno all’Ente che coinvolge gli Enti locali. A tal fine è stato sottoscritto il “Protocollo d’intesa con ANCI Marche per la territorializzazione della Strategia Regionale di Sviluppo Sostenibile”:

DGR n. 1157 del 3-8-2020

Accordo ANCI firmato

La Giunta regionale ha individuato le scelte strategiche e primi indirizzi per la definizione della Strategia Regionale per lo Sviluppo Sostenibile con:

Tale documento permette di iniziare la consultazione del territorio attraverso molteplici canali tra cui i principali sono:

La Giunta regionale ha individuato gli obiettivi e le azioni nel documento propedeutico alla Strategia Regionale per lo Sviluppo Sostenibile con:

La Strategia Regionale di Sviluppo Sostenibile è richiesta dall’art. 34 del D.lgs n. 152/2006, così come modificato dalla Legge n. 221/2015, prevedendo che in tale ambito le Regioni assicurano unitarietà all'attività di pianificazione e specificando che le strategie di sviluppo sostenibile definiscono il quadro di riferimento per le valutazioni ambientali. A tal fine le “Linee guida regionali per la Valutazione Ambientale Strategica” stabiliscono che i riferimenti fondamentali per il processo di VAS sono la Strategia Nazionale e quella Regionale di sviluppo sostenibile. Tali linee guida sono state approvate con:

  • DGR n. 1647 del 23/12/2019
    • In attuazione della DGR n. 1647/2019 sono state approvate le “indicazioni tecniche, requisiti di qualità e moduli per la Valutazione Ambientale Strategica” con decreto n. 13 del 17/01/2020 del Dirigente della P.F. Valutazioni e autorizzazioni Ambientali, qualità dell'aria e protezione naturalistica

 

Tutti gli atti amministrativi sono visibili collegandosi al sito www.norme.marche.it

 

pagina aggiornata al 1/06/2021

data ultima modifica della pagina 16/03/2021